Archivi categoria: Democrazia e Costituzione

Leopolda: Propaganda o Meeting per le Idee?

Una "vecchia! stazione dove ci siamo già fermati

La Leopolda: una “vecchia” stazione dove ci siamo già fermati

Riparte oggi la Leopolda , stazione in cui si ferma e si compiace ogni anno la strategia di P.R. di Renzi, Boschi (o forse dovrei dire il contrario…) & Co. Le prime edizioni, benché avessero un retrogusto di vecchia riunione  di parrocchia, erano comunque animate da un spirito creativo con i tavoli tematici presso i quali si poteva ancora discutere a soggetto. Questa ultima edizione sancisce definitivamente il passaggio della Leopolda sotto la regia Boschiana e lo sconfinamento definitivo nella Propaganda più vetero partitocratica, quasi da “festa dell’amicizia” dei bei tempi andati. Già, festa dell’amicizia, non festa dell’unità, perché a conti fatti in questo si è tradotta la rottamazione di Renzi dei vecchi quadri dirigenti del PD. Lo scambio c’è stato, alla pari: un vecchio PD, nostalgico di Baffone, per una vecchia DC, nostalgica del modo “cerchiobottista” di fare politica, tanto in voga, nel nostro paese, negli anni 60-70-80. Cambiano ovviamente i mezzi di comunicazione, l’ondata “social” ha costretto tutti i partiti ad un diverso stile di comunicazione, ma il vecchio vizio del partito unico, che ha dentro di se maggioranza ed opposizione, più qualche correntina trasversale con i suoi distinguo, eccolo lì di nuovo, in pieno stile DC dei bei tempi andati. Gli altri? Oppositori del sistema, sfascisti, gente che vuole minare le basi della nostra convivenza… Per carità a guardarli da vicino gli altri non sono niente di che, una destra politicamente infima e culturalmente inesistente, un movimento 5 stelle politicamente molto immaturo, perso dietro ai vaffa e alle scie chimiche, abbandonato a 2-3 parlamentari “saccentini” che da portavoce del movimento a stento riescono ad articolare  qualche frase in un italiano sgrammaticato. Renzi e la Boschi sono riusciti a stringere all’angolo tutti questi, pur non essendo niente di meglio rispetto a loro e pur non portando alcuna novità politica nel panorama italiano, i 2 wonder boys hanno solo mascherato, dietro una finta iperattività politica, la voglia di ritorno alla normalità dell’elettore medio italiano, quell’essere “benpensante” insaziabilmente affamato di DC, di “a fra che te serve”, di “troviamo un compromesso che salvi la faccia a tutti”.

Oggi alla Leopolda si celebra il partito che si parla addosso, il partito che fa contenti tutti e che fa scontenti tutti, che dà conto alla sua maggioranza ed alla sua opposizione, che non è di destra e non è di sinistra, che non sta con l’Europa, ma non è contro, che condanna il terrorismo ma non reagisce, che sta dalla parte della gente ma difende le banche, etc etc…

Allora tanto per gettare sassi nello stagno, immaginiamo di poter discutere alla Leopolda di due o tre cose che potrebbero fare la differenza da qui in avanti:

  1. Misurare l’efficacia dell’azione politica con dei target misurabili su tutti i ministeri economici, target da cui far dipendere la fiducia ai ministri in carica (ci chiamiamo misurarelapolitica mica per niente…)
  2.  Supportare con i fatti le politiche energetiche per la rinnovabili.  Tutti gli impianti di rifornimento abbiano, per ottenere il rinnovo della licenza,  impianti di ricarica elettrica  veloce entro il 2020
  3. Entro il 2020 tutte le pubbliche amministrazioni utilizzino il telelavoro per almeno il 30% dell’organico
  4.  Gli ammortizzatori sociali siano disponibili solo alle aziende che, a seguito della domanda di cassa integrazione per motivi economici, licenzino i dirigenti responsabili delle aree che afferiscono al beneficio.

A Presto

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Democrazia e Costituzione

La Grecia, l’Italia, l’Europa, la Politica e la REALTA’

La “lettera” della Grecia all’Unione Europea è ancora fresca di stampa. La Grecia è stata così costretta a ribadire molti degli impegni presi con la “Troika” per risanare l’economia e portare avanti un programma di profonde riforme. In cambio ha ricevuto una misera dilazione dei tempi di implementazione delle riforme.

Come andrà a finire non è facile dirlo, verosimilmente la Grecia dovrà rinunciare ad alcuni proclami del suo nuovo Primo Ministro e dovrà ancora fare i conti con la scomoda realtà di essere un economia (troppo) strettamente interconnessa con quella dell’Europa e del mondo occidentale in generale.

vignetta-Italia-Grecia

Da tutta questa vicenda dovremmo però provare a ricavare degli elementi di riflessione fondamentali che ci possano indicare una futura strategia e un modo di fare politica del tutto diverso e basato sulla realtà dei fatti.

 Ecco alcuni elementi che sono chiaramente emersi dall'”affaire” Grecia e di cui dovremmo tenere conto anche nella realtà Italiana:

  1. Le elezioni, in Grecia come in Italia, si vincono facendo leva sui sogni e sulle frustrazioni delle persone (detto altrimenti becero-populismo televisivo)
  2. La politica ha a che fare, suo malgrado, soprattutto con la realtà economica di un paese
  3. L’economia di una Nazione non dipende solamente da variabili controllabili ed economiche (e non è certo questa la novità)
  4. La realtà economica di un paese dipende fortemente dalle sue radici culturali e dalle sue trasformazioni sociali
  5. La realtà economica e sociale di un Paese non si cambia dall’alto e non si cambia in 1 o 2 anni (nonostante i proclami di Renzi in Italia e di Tsipras in Grecia)
  6. Le riforme economiche non possono essere punitive
  7. Le riforme sociali devono precedere le riforme economiche
  8. Le riforme sociali richiedono un arco temporale di un ordine superiore rispetto alle riforme economiche
  9. Le riforme richiedono investimenti, anche quelle fatte per ridurre l’indebitamento
  10. Le riforme richiedono un approccio bilanciato e attentamente misurato
  11. Le riforme devono produrre risultati misurabili
  12. Le riforme richiedono “accountability” per le scelte effettuate

Questo elenco, sicuramente parziale, ci riporta al concetto centrale di questo blog: la politica misurabile che produce un effetto bilanciato sull’economia e sugli aspetti sociali legati alle necessità ed alle aspirazioni dei singoli.

  Un politica riformatrice non può operare con una visione parziale del mondo. Una riforma non è una cura sintomatica, ma un approccio clinico “sistemico” che mira al miglioramento generale delle “condizioni di salute” di una Nazione. Tagliare il debito alzando le tasse e riducendo i costi della pubblica amministrazione o del sistema pensionistico è una evidente forzatura che nel medio periodo porterà, esattamente come è successo in Grecia, ad uno sbilanciamento, drammatico e forse irreversibile, del sistema paese. Così come spesso agisce il buon medico di famiglia, bisogna certo intervenire sui sintomi, ad esempio bisogna fare scendere la febbre di un malato prima che questa possa causare danni irreparabili, ma al contempo bisogna ricercare e curare le cause dei fenomeni,  di quella febbre,  in modo da evitare che si possa ripresentare in futuro.

Curare le cause è spesso un operazione difficile e che non porta voti e consenso alla politica. Per questa ragione i nostri rappresentanti, inclusi i rappresentanti politici della comunità europea, mirano in modo molto più pragmatico a curare i sintomi ed a mostrare il volto di un medico rigoroso che per non fa morire il paziente è pronto ad amputare questa o quella parte del corpo.

Più volte abbiamo sottolineato che il sistema degli indicatori è un elemento chiave per indirizzare le riforme e per valutarne l’efficacia. Il sistema degli indicatori, per i motivi sopra esposti, non si può limitare alle variabili economiche, quali il PIL, l’indebitamento, la tassazione il tasso di disoccupazione e altri, ma deve comprendere e misurare diversi altri aspetti economici e sociali della vita di un Paese. Il miglioramento di una Nazione non è mai solo economico, ma comprende una diversa maturità sociale e culturale che è il terreno fertile per lo sviluppo.

Ma quando il malato è grave, come nel caso della Grecia, o in uno stato che desta preoccupazione, come nel caso dell’Italia, abbiamo veramente il tempo di agire sulle cause?  Certamente nel caso della Grecia e forse anche nel caso dell’Italia, alcune misure sono state prese per far scendere “la febbre” del malato, così come certamente si è andati oltre il lecito con certi medicinali rischiando di uccidere il malato senza curarlo veramente. In entrambe i casi la classe politica rimane refrattaria ad un serio programma di misurazione degli effetti delle riforme. Il concetto che ci sono da fare “La Riforme” e che chi le fa è nel giusto e va aiutato a continuare il progetto è di per se ridicolo. L’Italia come la Grecia non ha solo bisogno di Riforme, ha bisogno delle Giuste Riforme,  riforme che inducano il miglioramento, e che non siano cure che rischiano di uccidere il malato, riforme la cui efficacia possa essere misurata e provata al di la dei proclami politici, televisivi e populistici, riforme fatte da persone competenti e pronte ad assumersi la responsabilità delle proprie scelte, fino a lasciare il passo in caso di fallimento.

Il tempo è infine un fattore critico, nessuno può ignorare la sua importanza. Rifacendoci al paragone con il malato curato dal medico di famiglia, proprio come il medico di famiglia sappiamo che ogni guarigione richiede tempo. Ogni medico che dimette il paziente troppo frettolosamente rischia di aprire le porte ad una recidiva. Certamente il paziente non può restare inattivo, magari a letto, per un lungo periodo, poiché ciò avrebbe un impatto significativo sulla sua vita lavorativa e sociale. L’Unione Europea ha in questo senso invece più volte forzato la mano alla Grecia cercando di velocizzare le cure ed il processo di guarigione di quella economia. La recidiva si è, come previsto, puntualmente presentata in tutta la sua evidenza.

L’Italia ha dalla sua un miglior credito ed una situazione economica leggermente migliore, la quale le permetterebbe di “stare a letto” qualche giorno in più e di risolvere alcuni problemi fondamentali una vota per tutte. Sarebbe molto saggio, da parte dei nostri politici, usare questo tempo nel modo migliore per avviare quindi riforme di medio/lungo periodo delle quali si possa misurare l’efficacia in maniere inoppugnabile. Un percorso siffatto sarebbe la nostra migliore assicurazione contro gli inesperti medici dell’Unione Europea.

Lascia un commento

Archiviato in Democrazia e Costituzione

Altro che superprotetti. Flessibilità del lavoro, dualismo e occupazione in Italia

Infatti il problema non è la facilità con la quale si può licenziare, in Germania ad esempio non e per niente facile licenziare qualcuno, in Francia ancor meno, il vero,problema è l’incertezza che il processo genera in Italia. Non serve rendere più facili i licenziamenti serve avere processi e costi certi!

Keynes blog

vignetta-articolo18

L’Italia non è un paese di lavoratori ipergarantiti. Al contrario, è quello che ha maggiormente liberalizzato il mercato del lavoro. Ma l’analisi dei dati OCSE chiarisce inequivocabilmente che le politiche di flessibilità non hanno avuto alcun successo negli ultimi 25 anni nel ridurre la disoccupazione in Italia e nell’Eurozona. 

di Riccardo Realfonzo 

View original post 1.977 altre parole

Lascia un commento

Archiviato in Democrazia e Costituzione

Articolo 18: La Certezza dell’Incertezza

Come e perchè andrebbe cambiato questo pezzo di Italia del Secolo Scorso

A Che Ci Serve?

A Che Ci Serve?

Se ne parla in continuazione, ad alcuni evoca terribili pensieri, ad altri la Fornero, ad altri ancora una barriera invalicabile, per molti resta un “signor sconosciuto”, qualcosa che ognuno immagina a proprio uso e consumo.

Per prima cosa facciamo un po di chiarezza: di seguito un paio di link che ci aiutano, brevemente ed in maniera abbastanza “neutra”, a capire di cosa stiamo parlando:

Eccolo quindi l’ “amico”, nato negli anni 70,  maggiorenne e vaccinato da un bel po.

La sua funzione era stata pensata in un contesto molto diverso dall’attuale,  nel quale un lavoro era “per la vita”, dove nessuno, in realtà, pensava ad un ricollocamento e ad una nuova vita lavorativa. Le cose sono evidentemente cambiate, e molto.

Oggi il cambiamento è la regola per quasi tutti i lavoratori, moltissimi hanno fatto 2 o più lavori nella propria vita e probabilmente continueranno a cambiare, per scelta o per necessità. In questo la nostra società, Italiana ed Europea, è sicuramente più avanti delle battaglie ideologiche che si sviluppano sull’articolo 18.

Di gente costretta a cambiare lavoro, che resta senza lavoro, che sceglie di cambiare occupazione e stile di vita, lasciando magari l’Italia, ne abbiamo, nostro malgrado, tantissima a riprova che l’articolo 18, in fondo,  nulla di così buono ci ha portato fino ad ora. Ma perchè allora tanto accanimento?

A nostro avviso i motivi vanno ricercati tra questi:

  • L’articolo 18  è “terra di nessuno” nell lotta “territoriale” e di potere tra Imprenditori e Sindacati
  • Un diritto acquisito, secondo le forze sindacali, non va mai ceduto, ad ogni costo
  • La flessibilità, secondo la classe imprenditoriale, dipende dalla facilità con la quale si può licenziare qualcuno e quindi (anche) dall’articolo 18
  • I vari governi che si sono occupati di questa legge non sono stati abbastanza focalizzati, agnostici e neutrali

Nei punti sopra elencati si intravvedono ragioni per modificare questa norma che è comunque vecchia di 30 anni e che in qualche modo crea problemi di competitività al Sistema Paese e a tutti gli attori del mondo del lavoro.

Si presti però attenzione: i problemi creati dall’articolo 18 non sono quelli portati dagli imprenditori (la flessibilità) e non sono neppure quelli indicati dai Sindacati dopo la recente riforma Fornero (la tutela dell’occupazione) .

La flessibilitá occupazionale non da vantaggio competitivo vero, anche la Germania, a volte maldestramente citata come un mercato del lavoro più flessibile, non basa la propria competitivitá sulla flessibilitá ma sulla qualitá e sulla innovazione. Ai nostri imprenditori non serve quindi più flessibilitá ma più professionalitá manageriale e più propensione all’investimento in innovazione.

per quanto riguarda  invece la tutela dell’occupazione, non è certo una piccla trincea come l’articolo 18 che può preservarla, basta guardarsi intorno per capire quanto detto articolo sia stato fino ad ora inefficace in questo senso.

L’articolo 18 va riformato poiché fonte di una problema. Questo problema è il nemico riconosciuto di tutti i sistemi economici: l’incertezza.

Grazie al nostro vecchio amico, l’ articolo 18, vi è incertezza per tutti:

  • Gli imprenditori non sanno come e quando terminerà una causa di licenziamento
  • La separazione per un licenziamento è quasi sempre conflittuale e nessuno sa di preciso cosa sarà in grado di ottenere
  • Il lavoratore non sa quando potrà ottenere giustizia e cosa otterrà nel momento in cui dovesse vincere la sua causa contro il datore di lavoro
  • Ciò che il giudice ordina spesso non è ciò che il vincitore di una causa di licenziamento vorrebbe: Il reintegro

Qualcuno è però sicuramente a favore dell’articolo 18 e lo è in modo incondizionato: gli avvocati!

Avvocati e Articolo 18 un Matrimonio Perfetto

Avvocati e Articolo 18 un Matrimonio Perfetto

Quali sono, quindi, dei criteri guida neutrali che ci possono permettere di migliorare tutto lo statuto dei lavoratori?

La risposta in fondo è abbastanza semplice, a patto di non volersi trincerare dietro delle posizioni meramente ideologiche.

Tutti i cambiamenti relativi all’articolo 18, ed in generale allo Statuto dei Lavoratori, dovrebbero essere improntati alla riduzione del male maggiore: l’incertezza.

Essa rappresenta un problema reale per i vari attori del mercato del lavoro ed è percepita come un grosso inibitore dagli investitori nel sistema paese Italia.

Ecco dunque alcuni dei principi cardine che dovrebbero praticamente, in modo neutrale, ispirare i cambiamenti:

  • Licenziare qualcuno, fatti salvi i motivi che determinano una giusta causa, è un danno per la collettività
  • Un accordo di separazione consensuale, prestabilito nei termini, è sempre da preferire ad un conflitto giudiziario tra le parti che introduce incertezza e rappresenta un costo per la collettività
  • Licenziare qualcuno deve essere possibile, ma deve avere un costo non trascurabile e certo
  • Il licenziamento va risarcito dall’imprenditore e supportato dalle politiche di sostegno e ricollocamento dello stato, come sancito dai principi costituzionali
  • L’abuso di pratiche di licenziamento deve portare a costi incrementali per le aziende che lo praticano

Dati i principi sopra elencati, proviamo ad immaginare un processo che permetta ad un imprenditore il licenziamento a “bassa conflittualità” di un dipendente. Sia l’imprenditore che il dipendente possono, con questo processo, contare su delle tutele e su tempi e risultati certi:

  • Un risarcimento è stabilito in termini di mensilità a seconda della motivazione per il licenziamento ed a seconda dell’anzianità lavorativa del dipendente (l’anzianità lavorativa considerata dovrà essere quella totale e non quella presso l’azienda corrente)
  • Il lavoratore può appellarsi a un arbitrato indipendente dai tempi certi che può solo variare l’entità del risarcimento
  • Il datore di lavoro contribuisce ad un fondo di categoria per il supporto al ricollocamento, il fondo non è assimilabile o cumulabile con altri fondi, quali quelli di previdenza complementare
  • Il contributo al fondo per il ricollocamento è fisso e prestabilito nel caso in cui il datore di lavoro non supera la percentuale dell 1% annuo di personale licenziato
  • Se il datore di lavoro supera la percentuale il contributo obbligatorio si incrementa automaticamente del 30% l’anno per i successivi 3 anni e, se la pratica continua, del 50% l’anno per i successivi 5 anni
  • Lo stato Italiano supporta il lavoratore licenziato mediante un fondo per il ricollocamento, mediante una tassazione fissa agevolata al 20% sul risarcimento dovuto dall’imprenditore, mediante sgravi fiscali garantiti per 2 anni sugli oneri derivanti dall’assunzione del lavoratore licenziato da parte di altra azienda e mediante il pagamento dei contributi pensionistici per il totale delle mensilità di risarcimento pagate dall’imprenditore. Il supporto garantito dallo stato dura per 12 anni, limitato alle politiche di ricollocamento (sgravi agli oneri per nuova assunzione e supporto al ricollocamento).
  • L’iter amministrativo per il licenziamento dura per un massimo di 3 mesi inclusi i provvedimenti amministrativi riguardanti il ricollocamento, la parte previdenziale e la parte fiscale.

In questo modo si potrebbero sconfiggere molti mali che oggi affliggono il nostro mercato del lavoro:

  • Si potrebbe eliminare quasi del tutto l’Incertezza garantendo termini e costi certi per le pratiche di licenziamento
  • Si potrebbe garantire un adeguato ed equo compenso per i lavoratori che perdono il lavoro
  • Si potrebbe impegnare concretamente lo stato a facilitare la re-immissione dei lavoratori licenziati nel mondo del lavoro
  • Si potrebbe disincentivare quegli imprenditori o datori di lavoro che usano la pratica del licenziamento per alzare artificialmente il turn-over del personale
  • I costi del  licenziamento porrebbero un ostacolo reale agli imprenditori che ne volessero abusare, garantendo maggiormente la stabilità del lavoro dipendente
  • Si potrebbe finalmente dare un costo alla flessibilità, la quale essendo un bene prezioso, va pagata il giusto prezzo
  • Si toglierebbe infine un alibi alle 2 categorie in perenne conflitto: Sindacati ed Imprenditori, garantendo i primi e dando certezze agli altri. Sarebbero così entrambe costretti a focalizzarsi sulla vera natura della non competitività del nostro paese.

Sbaglia quindi chi dice che l’eliminazione dell’articolo 18 rende un favore agli imprenditori, così come sbaglia chi sostiene che l’eliminazione provoca un danno ai lavoratori. Queste 2 posizioni, come abbiamo visto, hanno poco a che fare con il problema vero: la nostra competitività.

Abbiamo ancora bisogno di regole nel mercato del lavoro, abbiamo bisogno che esse siano adeguate ai tempi e non che siano allineate con una parte o con l’altra, ma soprattutto abbiamo bisogno di capitani coraggiosi con idee per vincere la guerra e di truppe che non pensino solo al rancio!

Lascia un commento

Archiviato in Commenti su Attualità, Democrazia e Costituzione

10 Cose che certo non fanno vincere le elezioni, ma che cambierebbero questo Paese per sempre

imagesCA4MIU2V

  1. Scuola: Passare dal 30% al 60% di popolazione con educazione superiore (Diploma di scuola superiore),  e passare dal 19% al 40% di popolazione in possesso di un diploma di laurea o equivalente.
  2. Debito: Ridurre di 100 Miliardi di € il debito per 5 anni di seguito e quindi di 50 Miliardi nei successivi 10 anni, finaziando la riduzione al 20% tramite avanzo primario e per il rimanente 80% tramite dismissioni di patrimonio pubblico e introiti da aziende di Stato.
  3. Pubblica Amministrazione: Misurare tutti i Dirigenti Pubblici rispetto ad obiettivi numerici di pubblico dominio. In caso di mancato raggiungimento degli obiettivi prefissati si preveda il licenziamento dei Dirigenti.
  4. Pubblica Amministrazione: Istituire comitati pubblici di monitoraggio per le opere ed i servizi pubblici di primaria importanza. I comitati possono essere composti da Utenza, Associazioni dei Consumatori, Advisor indipendenti. I comitati possono istruire dei procedimenti che possono essere adottati d’ufficio dalla magistratura in caso di mancato rispetto delle normative e/o di illecito. I comitati possono essere isttituiti come servizio civile retribuito e possono essere parte di un programma di ricollocamento per personale qualificato in attesa di nuova occupazione.
  5. Lavoro e Tassazione: Regionalizzazione dei contratti di lavoro. Regionalizzazione di IVA e IRES per la quota parte di questi tributi che andrebbe alle regioni.
  6. Giustizia: Riscrivere e modernizzare i codici. Mettere un tetto al numero di leggi presenti nel Codice Civile e nel Codice Penale (400 ad esempio) in modo da semplificare l’intero impianto legislativo e da eliminare il più possibile ogni forma di ambiguità e di contraddizione.
  7. Giustizia: Introduzione di una classificazione dei dibattimenti giudiziari, con associati dei tempi massimi di dibattimento. Definizione di penali associate allo sforamento dei tempi.
  8. Lavoro: Cassa Integrazione ed altri ammortizzatori. La cassa integrazione e gli altri ammortizzatori possono essere concessi a protezione dei lavoratori quando essi perdono l’occupazione. Quando gli ammortizzatori vengono richiesti per risolvere problemi finanziari e in qualche modo a vantaggio dell’azienda (riduzione delle ore lavorate per ridurre i costi) la richiesta dovrebbe avere come pre-requisito il licenziamento della dirigenza dei reparti che usufruiscono dello strumento.
  9. Economia: Creare 10 Poli di Ricerca e Sviluppo associati alle filiere produttive strategiche Italiane. I poli dovrebbero essere finaziati al 49% dallo Stato ed al 51% dal settore privato consorziato all’interno della filiera. Obiettivo sarà portare l’Italia ad essere la detentrice del maggior numero di brevetti nei 10 settori strategici,
  10. Turismo e Cultura: Raddoppiare il numero di turisti che visitano il paese ogni anno. Finaziare istituti per la cultura e l’arte Italiana nelle prime 50 Nazioni al mondo per PIL e nelle prime 10 per Popolazione. Ristrutturare il sistema integrato dei trasporti tra le capitali della cultura Italiana e ridefinire gli standard a livello Nazionale per i Servizi e per l’ospitalità.

Lascia un commento

Archiviato in Cittadinanza Attiva, Democrazia e Costituzione

L’Efficienza della Democrazia

La parola “Democrazia”, dal greco δῆμος (démos): popolo e κράτος (cràtos): potere, significa etimologicamente governo del popolo. La democrazia, come molti non sanno, non è sempre stata la forma di governo più apprezzata. Platone, ad esempio, la definiva “governo dei poveri e degli ignoranti” (demos) contrapposto al governo “dei ricchi e degli istruiti”. Secondo Platone, dare accesso a tutti i cittadini alla funzione di governo avrebbe portato il popolo stesso a cadere rapidamente sotto il potere di un tiranno. Secondo Platone, inoltre, i poteri decisionali e politici dovevano essere basati sulla competenza di chi li esercitava.

Aristotele, per conto suo, considerava la democrazia una forma di governo corrotta, dove una classe, la plebe, avanzava il suo dominio sulle altre. Più avanti, la democrazia è stata considerata, come nel 18º secolo, una forma di governo popolare pericolosa, dove il governo era affidato al popolo direttamente e senza una rappresentanza.

Charles Montesquieu

Charles Montesquieu

Montesquieu diceva a tal proposito: “il suffragio per sorteggio è naturale alla democrazia come quello per scelta lo è all’aristocrazia” sottintendendo che, ove non ci sia un criterio di scelta basato sulla competenza, tanto vale tirare a sorte le cariche pubbliche.

Finalmente la Democrazia diventa una delle forme di governo più largamente accettate quando si introduce la nozione di “governo rappresentativo della sovranità popolare”. Ciò avverrà però solamente dopo le rivoluzioni francese ed americana, portando il concetto di Democrazia, nella coscienza collettiva, allo stato nel quale lo conosciamo oggi.

Questa breve digressione storica sulla Democrazia ci è utile per illustrare il collegamento tra le nozioni di: Governo, Deomocrazia Rappresentativa e Competenza. Governo, inteso come sforzo mirato alla ricerca del miglioramento, Democrazia Rappresentativa,  come forza che istituisce il governo rappresentativo della volontà popolare e Competenza, come la capacità assolutamente necessaria ad esplicitare e rendere efficaci le azioni del governo.

Nel legame tra questi tre elementi, Democrazia Rappresentativa, Governo e Competenza va, a nostro avviso, ricercato il senso della moderna democrazia.  Tale Democrazia certamente, dovrà essere ancora rappresentativa, ovvero dovrà essere ancora una libera espressione del popolo, dovrà esplicitare una funzione di governo, la quale si dovrà però legittimare anche e soprattutto tramite la dimostrazione di solide competenze e di decisioni efficienti e misurabili rispetto all’avanzamento del bene comune.

La differenza chiave tra una democrazia del 20º secolo ed un’auspicata moderna democrazia va ricercata proprio in questa triplice relazione. 

Nelle democrazie del secolo scorso il governo, espressione della volontà popolare (tramite la rappresentanza), si adopera, “al meglio delle proprie capacità”, per agire “nell’interesse comune“.

In un’auspicata moderna democrazia, il governo ancora frutto dell’espressione popolare, dovrà avere un mandato subordinato alla chiara dimostrazione di competenza nelle azioni che intraprende per conto dei cittadini. I fattori che legittimano il governo e l’insieme dei rappresentati democraticamente eletti dovranno pertanto essere 2:

  1. Voto popolare 
  2. Dimostrazione misurabile di competenza nel raggiungere il miglioramento

Non valga più quindi la “presunzione di competenza” o l’assunzione del tutto gratuita che il governo operi “al meglio delle proprie capacità”, né quella che esso operi “nell’interesse comune”.

La dimostrazione di competenza sia del tutto esplicita e misurabile! La dimostrazione di competenza, potrà avvenire in modo incontrovertibile solo tramite la effettiva misurazione dei risultati ottenuti.

Nel caso in cui i risultati non fossero però raggiunti il governo perderebbe uno dei 2 fattori che lo legittimano e dovrebbe immancabilmente decadere.

Ricordiamo infine che una governo democraticamente eletto e competente è una necessità ineludibile in uno scenario globale dove il benessere ed il progresso dipendono, anche nostro malgrado, dalla capacità che una Nazione ha di competere con le altre.

Questo articolo, per la prima parte, relativa alla storia della Democrazia, trae ispirazione dalle pubblicazioni del Prof. Giovanni Carbone dell’Università degli studi di Milano e da “Principi di Scienza Politica” Clark-Golder-Golder -McGrawHill, 2011

7 commenti

Archiviato in Democrazia e Costituzione

Tecnocrati Senz’Anima

Si può governare con i numeri? Si può essere in grado di leggere le dinamiche socio-economiche di una Nazione da un foglio di calcolo?

Come raggiungere Grandi Risultati senza Obiettivi?

Come raggiungere Grandi Risultati senza Obiettivi?

Non è facile rispondere a questa domanda.  Renzi,  del PD,  nel suo discorso di ringraziamento per la vittoria alle primarie del suo Partito,  dice che i tecnocrati della Comunità Europea sono bravissimi a fotografare la situazione di un paese riportando cifre su delle “slides”,  dimenticando però che dietro ai numeri ed alle statistiche ci sono persone vere, persone  che vivono e che spesso, in questa situazione di crisi, sono vittime di fenomeni economici e sociali .

Tale affermazione ci trova d’accordo, ma non ci fa dimenticare che le cifre, pur non fotografando lo stato d’animo e le difficoltà di un popolo,  possono e devono essere un potente strumento a supporto di un azione politica efficace e mirata.

Ad avvalorare questa tesi vi sono molti fatti, eccone alcuni:

  • Anni di azioni politiche senza una strategia complessiva hanno portato ad una quantità di sprechi che ci pone tra i primi paesi in Europa per l’inefficienza della spesa.
  • La spesa pubblica senza un calcolo relativo al ritorno per la comunità (certamente misurabile con degli indicatori) converge facilmente nello spreco e nell’uso populistico del denaro pubblico. I casi dell’Italia, della Spagna, della Grecia, del Portogallo e dell’Irlanda sono noti e ben documentati.
  • Gli obiettivi numerici di efficienza e di competitività sono il solo strumento valido per misurare l’efficacia dell’azione politica lo stato dell Nazione. Ignorarli o disconoscerli è un grave danno per tutta la comunità. Gli indicatori Istat ed Eurostat, in Italia,  sono regolarmente ignorati ed in alcuni casi addirittura criticati e attaccati come se fossero dei veri e propri avversari politici!
  • Vi sono vari fattori alla base della crisi economica e sociale dell’Italia, ogni parte politica rappresenta solo ciò che più le fa comodo ignorando il resto. La comprensione multidimensionale dei fenomeni economici e sociali è alla base di un decisione informata per il voto popolare e democratico.

I fenomeni che registriamo, quali: bassa competitività, corruzione, disoccupazione, sottooccupazione si possono certamente rappresentare con cifre e statistiche che lasciano il tempo che trovano, si sente ad esempio spesso dire dell’altissimo tasso di disoccupazione giovanile in Italia (intorno al 40% !), non si sente, per contro, mai nessuno dire da cosa ciò è causato. Certo la crisi è la risposta generica, buona per tutte la parti politiche, è sempre colpa della crisi. Vorremmo però qui ricordare che la crisi colpisce tutti,  alcuni soccombono mentre altri resistono. Solo la comprensione profonda dei fenomeni ci consente di poter organizzare delle politiche risolutive. Nel caso in oggetto  basta confrontare alcuni dati con i paesi OCSE a noi affini per scoprire dei dati che sono certamente alla radice del fenomeno:

Se qualcuno avesse dei dubbi sulla correlazione tra questi dati e la condizione del lavoro e dell’occupazione in Italia può fare un banale esercizio di “correlazione”  tra questi indicatori e gli indici di competitività e di produttività delle altre Nazioni Europee.

Torniamo quindi al nostro punto, si tratta di Tecnocrazia o di “Struzzocrazia”,  ovvero di una classe dirigente che NON vuole prendere atto dei fenomeni e delle loro ripercussioni per poter orchestrare dei rimedi?

La politica è certamente dedizione e passione, abbiamo, ora più che mai, bisogno di leader e trascinatori, ma la leadership non va confusa con le capacità oggettive di analizzare i fenomeni e di dare le risposte al paese. Chi possiede tali capacità non avrà mai paura di sottoporsi al responso dei numeri poiché con essi indirizzerà la propria azione e da essi trarrà la massima forza ed efficacia. Chi invece fa del millantato credito la propria cifra e si inventa mediaticamente un immagine di successo da leader indiscusso, avrà sempre il timore di essere contraddetto dalla dura  realtà delle cifre (ci si ricordi il duro risveglio del Sig. Berlusconi ad opera dello Spread BTP-Bund sopra i  500 punti) e per questo motivo griderà: “Attenti ai Tecnocrati!”

2 commenti

Archiviato in Commenti su Attualità, Democrazia e Costituzione